salta al contenuto

TIAP (Trattamento Informatizzato Atti processuali)

Il DIGIT (Digitalizzazione Atti Processuali) è il sistema per la gestione informatica del fascicolo con possibilità di integrare i contenuti nelle varie fasi del procedimento di 1° grado (GIP, GUP, Dibattimento) con atti, documenti e supporti multimediali, il cui obbiettivo finale è quello di pervenire alla digitalizzazione e dematerializzazione del fascicolo attraverso la scannerizzazione e l’indicizzazione dei fascicoli con possibilità di ricerca, consultazione e stampa di interi fascicoli e/o singoli atti.

Nell’ambito del progetto DIGIT, il sistema TIAP (Trattamento Informatico Atti Processuali) è l’applicativo sviluppato dal Ministero della Giustizia per la gestione informatica del fascicolo procedimentale e processuale.

Il sistema in questione è definitivamente entrato in funzione anche presso questo Ufficio di Procura. Trattasi di software che consente la consultazione informatica degli atti del procedimento penale, appositamente scannerizzati ed inseriti nel sistema dalle Segreterie dei Magistrati del Pubblico Ministero. Per i soli procedimenti in cui il P.M. eserciterà l’azione penale con richiesta di rinvio a giudizio, la gestione del fascicolo tramite il TIAP è stata altresì estesa agli atti successivi all’avviso di conclusione delle indagini (memorie difensive, verbali di interrogatorio, richiesta di rinvio a giudizio, ecc.).

A seguito della consultazione, il difensore interessato potrà estrarre copia degli atti di interesse sia in formato digitale che cartaceo, previo pagamento dei diritti di cancelleria, come da normativa vigente.

A tal fine è stata allestita un’apposita sala di consultazione (c.d. front office) sito al piano terra del Palazzo di Giustizia in Piazza Amendola, di fronte alle Sezioni di Polizia Giudiziaria. La sala conta attualmente quattro postazioni tra loro indipendenti.

Tutti i difensori, previa esibizione di apposita nomina, possono consultare il fascicolo del procedimento in cui sono stati nominati tramite l’applicativo TIAP nella sala front office sopra indicata; la consultazione avviene previo rilascio di apposita password temporanea associata al singolo fascicolo, che l’interessato potrà richiedere alla Segreteria del P.M. titolare del procedimento, previa esibizione di nomina. La visione del fascicolo avviene sotto la supervisione di un ausiliario addetto alla digitalizzazione, che su richiesta provvederà altresì ad estrarre gli atti processuali di cui l’interessato vorrà ottenere copia.